S. Marco, il mistero della terza colonna

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

E’ caccia alla mitica terza colonna al Molo di San Marco. Come scrive Enrico Tantucci su La Nuova Venezia a pagina 21, già a maggio potrebbero partire le indagini tomografiche per verificare l’effettiva esistenza della colonna che secondo le cronache andò perduta affondando in acqua nel 1172 mentre veniva portata sul Molo insieme a quella del Todaro e quella del Leone alato. Dopo il via libera della Soprintendenza all’operazione, è ora arrivato anche il patrocinio del Comune. Secondo gli esperti la colonna si trova adagiata sul fondale lagunare sepolta sotto il fango a circa sette metri di profondità. L’indagine archeologica durerà tre mesi e potrà essere seguita da uno speciale padiglione informativo allestito vicino al cantiere.

Della ricerca si occuperanno in particolar modo la società Morgan sas, che è specializzata in questo tipo di rilevazioni, Roberto Padoan (capitano e subacqueo veneziano) e il dottor Luigi Fozzati, già Soprintendente archeologico del Friuli. L’indagine costerà tra i 300 e i 350 mila euro sarà finanziata interamente da privati e non sarà invasiva. Nel caso si trovasse effettivamente la colonna sarà però necessario organizzare un ulteriore intervento di recupero.

Tags: , , ,

Leggi anche questo