Eroina, la droga “dimenticata”: 20 euro a grammo

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

L’eroina è ormai tornata ad essere al centro dello spaccio di droga, come lo era negli anni ’80. È economica, costa circa 20 euro al grammo, facile da reperire e proprio per questo a farne uso sono sempre più giovani e giovanissimi. Lo dimostrano la vicenda di Andrea Coscia, il diciottenne padovano morto per overdose venerdì, e i continui arresti di spacciatori: solo ieri cinque pusher, tutti tunisini tra i 19 e i 27 anni, che vendevano cocaina ed eroina all’Arcella.

Come scrive il Corriere del Veneto – edizione Padova e Rovigo – a pagina 8, Andrea è solo l’ultima vittima di un ritorno dell’eroina sul mercato locale e nazionale. «La scuola non deve sottovalutare la diffusione delle dipendenze tra i giovani – ha commentato l’assessore regionale all’Istruzione Elena Donazzan – e la Regione metterà in campo una poderosa azione di prevenzione».

(Ph. Wlky.com)

Tags: , ,

Leggi anche questo

  • don Franco di Padova

    Le dipendenze tra i giovani sono direttamente correlate alla caduta educativa loro riservata.
    Eliminato il peccato, la tensione etica, i doveri sociali, gli eroismi e gli ideali (anche politici), resta una mandria che si frastorna con alcool, droghe “ricreazionali”, pasticche allucinogene, supporti psicofisici devastanti, droghe pesanti.
    Siccome siamo democratici, tolleranti e garantisti, evitiamo di combattere coloro che contribuiscono a devastare la nostra gioventù (spacciatori, ladri, nullafacenti, viziosi, antieducatori dai pulpiti laici e clericali).
    Così, in questo nulla, i ragazzi si ribellano e non potendo partire volontari per la guerra, si dedicano alle loro guerre private, spesso combattute contro loro stessi.
    Qualche volta, “la poderosa azione di prevenzione”, non previene alcunché perché manca del coraggio (e della possibilità) di affrontare il problema alla radice.
    Il timore del danno fisico ferma pochi, rallenta solo alcuni e diventa il contenuto della sfida per molti.
    Su cosa dovrebbe poggiare “la poderosa opera di prevenzione”, in totale assenza di poderose opere di contrasto?