BpVi risarcisce socia e ricorre in appello

La Banca Popolare di Vicenza ricorrerà in appello contro la sentenza di risarcimento della cliente veronese Bertilla Santacasa. Come scrive il Giornale di Vicenza a pagina 10, Santacasa aveva acquistato tra il 2009 e il 2010 aveva acquistato 660 azioni per un totale di 39.930 euro ma nel 2014 la banca le aveva negato la possibilità di venderle. La risparmiatrice ha quindi citato in giudizio la banca vincendo la causa civile e ottenendo il risarcimento di 57 mila euro. La banca ha quindi inviato il bonifico alla cliente ma ricorrerà conto la decisione del tribunale di Verona ritenendo le sue conclusioni «erronee».

BpVi ricorda che il tribunale ha rigettato la domanda della socia di annullare le operazioni d’acquisto e che la sentenza si basa sul caso specifico del rapporto fra lei e la banca. «La sentenza – si legge infine in una nota di BpVi – contiene una serie di passaggi, di portata più generale, che contribuiscono a fare chiarezza sull’infondatezza di alcune tesi poste dai soci a fondamento dei contenziosi avviati contro la banca. In particolare, il tribunale di Verona ha sancito che la domanda di vendita delle azioni, rivolta dal socio alla banca, non è sottoposta alla disciplina dell’intermediazione finanziaria e che la banca non ha alcun obbligo di procedere al riacquisto delle proprie azioni».

Tags: ,

Leggi anche questo