Da Schio a Marrakech in Panda per beneficenza

Una traversata nel deserto da 3000 km in una vecchia Panda 4×4 rinforzata del 2003. Questa, scrive Silvia Dal Ceredo sul Giornale di Vicenza a pagina 14, l’avventurosa impresa in cui si sono cimentati Mauro Rongoni di Schio e Mauro Boscoscuro di Torrebelvicino. I due imprenditori valleogrini erano fra i 350 partecipanti della “Panda Raid”, una gara di beneficenza per portare alle popolazioni svantaggiate del Marocco. Nella loro Panda Rongoni e Boscoscuro, oltre ai kit meccanici e di sopravvivenza, trasportavano anche materiale scolastico che hanno distribuito ai bambini delle scuole nelle tappe del tragitto da Madrid a Marrakech.

Se si considera anche la partenza da Schio, i chilometri percorsi salgono a 7500 per un totale di due settimane di viaggio. «Un’esperienza bellissima e intensa – racconta Rongoni – soprattutto con i bambini, che erano felici di ricevere il materiale per la scuola, ma onestamente ci parevano più contenti quando gli lasciavamo, acqua, bevande e alimenti vari. Molti di loro vivevano in condizioni davvero difficili, malvestiti e senza scarpe: immagini molto lontane dal nostro occidente». Lungo il percorso non sono mancati inconvenienti: i due piloti hanno infatti rotto un ammortizzatore in mezzo alle dune e hanno dovuto provvedere a dei ripari di fortuna prima di raggiungere il camion di servizio. Tutti i partecipanti dormivano la sera in tenda mentre lo staff forniva loro cene e colazioni. «Abbiamo visto dei luoghi incredibili e incontrato persone nei posti più strani»,  aggiungono i viaggiatori che hanno confermato la loro partecipazione all’edizione 2018.

Tags: ,

Leggi anche questo