La puzza di fritto diventa reato, vicini condannati

Dopo la decisione della Cassazione, quando friggeremo qualcosa, saremo tutti molto meno tranquilli. Tutto è iniziato da una lite fra condomini per la puzza di frittura che usciva dal loro appartamento, talmente forte da disturbare i coinquilini dell’appartamento al terzo piano. Il Sole 24 Ore spiega che, con la sentenza 14467/017, la Cassazione ha inquadrato nel reato di “getto pericoloso di cose (articolo 674 del Codice penale) a seguito di una bizzarra vicenda condominiale dove fumi, odori e rumori persistentemente molesti sono stati oggetto di dispute giudiziarie tra due vicini”.

I vicini accusati hanno tentato di spiegare che la denuncia era solo una ripicca a causa di contrasti pregressi ma la Cassazione non ha voluto sentire ragioni. La contravvezione prevista dall’articolo 674 del Codice penale”è configurabile anche nel caso di molestie olfattive“.

 

Tags:

Leggi anche questo