Moretti: «reintrodurre obbligo vaccini in Veneto»

La consigliere regionale Alessandra Moretti è la prima firmataria di un progetto di legge, «voluto assieme ai colleghi Pd e Mdp Azzalin, Pigozzo, Sinigaglia, Zottis, Guarda, Ferrari e Ruzzante, mira a reintrodurre nella nostra Regione l’obbligo vaccinale, superando così la Legge regionale n. 7 del 2007 “Sospensione dell’obbligo vaccinale per l’età evolutiva”, dato che a distanza di dieci anni, gran parte delle argomentazioni poste a sostegno di quella normativa sono state ormai confutate da dati scientifici incontrovertibili, che dimostrano, in modo oggettivo, come la salute pubblica sia messa in serio pericolo dal calo della copertura vaccinale». Moretti ricorda il recente caso del bambino ricoverato a Padova «con diagnosi di scarlattina, che invece era stato colpito da morbillo, e che ha contagiato quattro coetanei che si trovavano con lui in sala d’attesa; in seguito, il focolaio si è diffuso fuori le mura ospedaliere, tant’è che un ventiseienne si trova tuttora ricoverato in prognosi riservata. Questo, dimostra come sia estremamente pericoloso per la salute pubblica il calo delle vaccinazioni in atto nel nostro territorio, determinato anche dal negativo impatto della normativa regionale del 2007, nonché da una disinformazione veicolata soprattutto attraverso i social media. E il calo è evidente nonostante le famiglie di immigrati, portatrici di una notevole cultura di salute pubblica, vaccinino i propri figli quasi al 100%, mettendo così in sicurezza anche i bambini italiani».

«Ce lo insegna la scienza – sottolinea – e in particolare il prof. Roberto Burioni (Ordinario di Virologia e Microbiologia, autore di diverse pubblicazioni in materia e molto attivo sui social media a sostegno delle campagne vaccinali) che la vaccinazione è un preciso atto di responsabilità civile e sociale, in quanto tutela la salute pubblica impedendo la circolazione degli agenti patogeni. L’efficacia dei vaccini è un fatto oggettivo, che trova solide basi scientifiche e che dunque non può essere confutato da chiacchiere, pregiudizi o fobie immotivate. La buona Politica deve stare dalla parte della scienza e quindi del buon senso». Moretti sottolinea che il progetto di legge «estende l’obbligo vaccinale non solo alle quattro classi tradizionali (poliomielite, difterite, tetano e epatite B) ma anche a quelle recenti, consigliate ma non cogenti, annoverate nel calendario vaccinale regionale (morbillo, parotite, varicella, rosolia, rota virus e emofilo). Il pdl che presentiamo introduce, inoltre, la gratuità della vaccinazione su base volontaria, (anche in considerazione del fatto che la prevenzione determina un abbattimento della spesa sanitaria), l’incremento della copertura vaccinale del personale che lavora a contatto con i bambini, anziani e soggetti particolarmente esposti al rischio contagio, nonché campagne di formazione e informazione per promuovere la cultura della vaccinazione».

Tags: ,

Leggi anche questo