Mose, ritardi costano 366 milioni

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Il ritardo sui lavori al Mose rischia di costare ulteriori 366 milioni di euro. Come scrive Alberto Vitucci su La Nuova Venezia a pagina 13, le aziende del Consorzio Venezia Nuova ora chiedono che sia lo Stato a pagare questi extra-costi per lo slittamento dei tempi (la consegna dell’opera completa è fissata per il 31 dicembre 2021). Il Mose finora è già costato quasi 6 miliardi, un costo lievitato in particolare per la manutenzione delle dighe e contenziosi tra imprese e Consorzio.

«Il prolungarsi dei tempi previsti per il completamento dell’opera a causa del ritardato finanziamento pubblico – si legge nel bilancio consultivo 2016 delle imprese consorziate – determina oggettivamente maggiori costi ed oneri a carico del Consorzio, mentre si rende necessario provvedere anche alla manutenzione e conservazione delle opere già realizzate e non ancora consegnate. In questo contesto, sono allo studio accordi con il Provveditorato, intesi a rimodulare l’ erogazione delle risorse già stanziate».

Tags: ,

Leggi anche questo