Un veneto su quattro è “anziano”

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

«L’indagine che abbiamo condotto confrontando i dati del 2006 con quelli del 2016 fotografa in modo puntuale il livello di invecchiamento della popolazione veneta. Come nel resto dell’Italia, gli over 65 rappresentano ormai un quarto della popolazione mentre è cresciuto nettamente anche il numero degli over 80». Rita Turati, segretaria generale dello Spi Cgil del Veneto commenta i dati dell’indagine effettuato elaborando gli ultimi dati dell’Istat. Analizzando il trend degli ultimi dieci anni, il numero di anziani è cresciuto di circa il 20% ed è destinato ad aumentare ancora. Gli ultra sessantacinquenni sono più di un milione (esattamente 1.081.371) e rappresentano il 22,8% della popolazione totale. Rispetto al 2006 si registra un aumento del 19%.

L’indice di invecchiamento, definito dal rapporto fra over 65 e under 14, conferma il trend. Nel 2006 ogni 100 giovanissimi c’erano 138 anziani, ora questo rapporto è di 100 a 159. L’indagine ha preso in esame anche altri dati che completano il quadro dell’invecchiamento nella nostra regione. Anzitutto, in dieci anni è più che triplicato il numero di anziani stranieri: dai 4.207 del 2006 ai 13.990 del 2016. Gli ultracentenari sono pochi, 1.569, ma sono raddoppiati rispetto ai 751 di dieci anni prima. Per quanto riguarda, infine l’aspettativa di vita media, infine, si attesta a 80 anni per gli uomini e di 85 per le donne.

Tags: ,

Leggi anche questo

  • pachiara

    Tranquilli, per ogni problema c’è la soluzione giusta: l’eutanasia pian piano prende corpo.
    Prima con i malati irrecuperabili, poi con quelli vecchissimi, poi …
    basta aspettare qualche decennio e tutto si “normalizza”
    Con questi giovani di oggi, con queste donne di oggi il futuro è … giovane!