“Noi che credevamo in BpVi”: «sequestrare beni vecchio cda»

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Riceviamo e pubblichiamo una nota dell’associazione “Noi che credevamo nella Banca popolare di Vicenza” sull’atto di citazione di BpVi contro il vecchio cda.

Apprendiamo in queste ore che è stata finalmente depositata la citazione di Banca Popolare di Vicenza nei confronti del vecchio cda per miliardi di euro di danni. Riteniamo indispensabile che in tale atto sia prevista una  richiesta di sequestro cautelativo.

Un processo di questa portata è normale pensare che duri un periodo tale da poter consentire ai soggetti citati di svuotarsi di ogni bene. L’azione di responsabilità rischia di restare solo un involucro vuoto.

Tags: ,

Leggi anche questo