«Lista Tosi soufflè: no a paralisi, è tempo di confronto»

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

«A meno di 3 settimane dalla chiusura del Consiglio comunale la maggioranza perde per strada un altro pezzo e con esso la possibilità di dettare l’agenda dei temi al Consiglio comunale». Così il candidato a sindaco di Verona Michele Bertucco commenta lo strappo di Rosario Russo che ha abbandonato la maggioranza a Palazzo Barbieri. «In Conferenza dei capigruppo – spiega Bertucco – i tosiani sommano ora 18 consiglieri, esattamente come il resto delle opposizione messe assieme. Ed è stato accertato, su mia istanza, che il sindaco non può iscriversi a nessun gruppo. Questa situazione non significa la paralisi, significa, al contrario, che la maggioranza sarà finalmente tenuta a confrontarsi lealmente con le opposizioni sui provvedimenti utili alla città e non su quelli utili alla campagna elettorale del Sindaco o dei suoi uomini».

«Per quanto mi riguarda – prosegue il consigliere – continuerò a proporre le mozioni e le proposte di delibera sui temi che l’amministrazione non ha saputo affrontare o ha affrontato male, a partire dall’escussione della fidejussione sul Traforo delle Torricelle passando per una sospensiva del project Arsenale per il quale c’è grande preoccupazione per la tenuta dei conti comunali. Allo stesso tempo do la mia più ampia disponibilità a votare, con senso di responsabilità, le proposte di delibera utili alla città che la maggioranza vorrà portare all’attenzione del Consiglio. A livello politico si dovrebbe riflettere sul fatto che tanto velocemente la Lista Tosi si è ingrossata nel 2012 caricando a bordo di tutto sull’onda dell’euforia generale, così altrettanto velocemente, di fronte al disastroso bilancio amministrativo, si è sgonfiata lasciando la città a rischio di ingovernabilità».

 

Tags: ,

Leggi anche questo