Mestre, centro islamico chiuso: sciopero dei bengalesi

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Nel centro di preghiera islamico frequentato dalla comunità bengalese in via Fogazzaro a Mestre scatta l’ordinanza di chiusura entro tre giorni, dopo che i residenti avevano segnalato violazioni di carattere edilizio e problemi di gestione. Alice d’Este a pagina 3 del Corriere del Veneto di oggi ha raccolto le opinioni dei fedeli islamici, che sono più di 8 mila e ora minacciano scioperi nelle aziende in cui lavorano fino a quando non sarà stato trovato un altro luogo per pregare. «Siamo tanti e ci fermeremo tutti – dice Kamrul Sayed, altro referente della comunità – ci sono tremila di noi che lavorano a Fincantieri, 1500 nelle pizzerie del centro storico. Vediamo cosa succede se nessuno di noi va a lavorare. Anche i bambini staranno a casa da scuola e faremo una manifestazione in questa via e in via Piave»

 

Tags: ,

Leggi anche questo

  • pachiara

    Alice D’Este raccoglie le opinioni: che brava! Che intuito giornalistico! E invece di scrivere che ci troviamo per la prima volta di fronte ad uno scontro tra gruppi sociali diversi e non integrabili – alla faccia del PD e compagni di merende – ci racconta la favoletta buonista dello sciopero da organizzare.
    Ottomila personcine che vogliono imporre regole proprie sono già un bel segnale significativo. Ma per pochi populisti bacati: per la massa non è successo nulla!

    • don Franco di Padova

      Gentile Pachiara, in realtà sono già diversi milioni di persone che vogliono imporre a noi le loro regole.
      La quinta colonna interna, nel nome dei nostri conquistati principi civili, ci obbliga ad accettare le regole di coloro che, nel nome dei loro principi, c’impedirebbero l’esercizio dei nostri diritti.
      Continuo a dire che i veri nemici non sono gli islamici, i rom, i ladri, i mafiosi: ognuno di essi “fa il suo mestiere”. I nemici veri sono le persone “per bene” che, godendo delle sofferte conquiste dei nostri Padri, per pregiudizio avverso, in Italia costruiscono l’ingestibile società altrui.
      Loro, con le loro arie pensose ed ispirate, sono i veri nostri nemici.