«Annata nera su piste, dissanguati da neve artificiale»

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

La stagione invernale 2016/2017 chiuderà in anticipo. Andrea Zucco, a pagina 15 dell’edizione di ieri del Corriere del Veneto di Treviso e Belluno, trae un bilancio dell’inverno appena trascorso attraverso le parole di Walter De Cassan, presidente di Federalberghi Belluno: «i dati definitivi non ci sono ancora ma a livello di sensazione c’è stato un leggero calo rispetto all’inverno scorso. Grazie agli innevamenti artificiali, le piste erano perfette».

Un lavoro fondamentale quello degli impiantisti, che si sono ritrovati a fare i conti con una stagione in cui le precipitazioni nevose sono state sporadiche e molto spesso irrilevanti, raggiungendo i limiti storici. Per mantenere a galla la stagione i gestori sono stati così costretti ad affrontare spese ingenti per compensare con la neve artificiale. «Gli inverni sono troppo dipendenti dal clima– ha concluso De Cassan – Quest’anno la neve non è arrivata su tutto l’arco alpino, probabile che ci sia stato un travaso di turisti dalle Dolomiti alle Alpi occidentali, dove ha nevicato di più». Se le temperature dovessero rimanere costanti, al ponte del Primo Maggio potrebbero arrivare solamente alcune piste della Tofana e del Faloria.

Tags: ,

Leggi anche questo