Profughi afghani, 60 nuovi arrivi nel Veneziano

Secondo i dati della Prefettura, dall’inizio dell’anno nel Veneziano sono arrivati nascosti nei camion e nei treni merci circa 60 giovani afghani. Clandestini arrivati in stazione a Portogruaro, al porto di Venezia o trovati dalla polizia sulla Romea o al porto di Chioggia. Come scrive di Carlo Mion su La Nuova Venezia a pagina 10, quasi sempre la meta finale sono il centro e Nord Europa o l’Inghilterra. Francesca Grisot, dottore in ricerca che da anni si occupa della migrazione del popolo afghano, spiega: «i flussi migratori degli afghani sono ripresi. I contatti che ho in Grecia mi confermano che sono ripresi gli arrivi sulle isole greche e i viaggi attraverso la rotta balcanica e i collegamenti tra i porti greci e l’Italia».

«Questi che si sono messi in viaggio ora – prosegue Grisot – sono la cosiddetta seconda generazione cresciuta fuori dal loro paese in Iran o in Pakistan. La rete in questo momento è il luogo dove apprendono tutto il know-how per il loro progetto. Qui trovano tutte le informazioni fornite da chi li ha preceduti nella migrazione. Sono familiari, parenti, amici e quando si mettono in viaggio sono a perfetta conoscenza di cosa spetta loro e cosa loro possono chiedere e ottenere».

Tags: ,

Leggi anche questo