Verona Sud, traffico in tilt: opposizioni all’attacco

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Il timore paventato alla vigilia del Vinitaly si è concretizzato: con l’inizio della manifestazione, la viabilità a Verona Sud è andata in tilt, con traffico intenso e code tra il casello e la zona della Fiera. La reazione delle opposizioni non si è fatta attendere. Per l’onorevole del M5S Mattia Fantinati, «quanto sta succedendo è solo la prima e brutta conseguenza delle scelte di Tosi». Per il deputato grillino, infatti, «l’attuale amministrazione ha deciso di cementificare a più non posso una area che già era congestionata e con la presenza di una concentrazione di polveri sottili. Un piano urbanistico e di mobilità completamente errato». Il candidato sindaco Alessandro Gennari promette: «oltre ai parcheggi scambiatori e mezzi pubblici di piccole dimensioni, frequenti e green, il M5S intende redarre un nuovo piano generale della mobilità insieme ad un piano urbano della mobilità sostenibile».

Sulla stessa lunghezza d’onda il comunicato congiunto di Luigi Ugoli, capogruppo Pd in Comune, e Camilla Mariotto, capogruppo della V Circoscrizione, che parlano di un’eredità «pesantissima» lasciata dall’attuale amministrazione. «Il futuro sindaco – si legge nella nota – dovrà barcamenarsi tra un bilancio sempre più ridotto all’osso nella missione difficilissima di rimediare con una nuova pianificazione urbanistica ai tanti danni causati da Tosi & Co. Sembra infatti evidente che, alla lunga, una situazione di questo tipo è controproducente anche per la Fiera che non può certo vantare a suo supporto strutture e servizi adatti alla grande realtà internazionale che deve e vuole essere.

Tags: ,

Leggi anche questo