Zaia: «candidare Valpolicella patrimonio umanità»

«Dopo la candidatura delle terre del Prosecco, che mi auguro sia realtà nel 2018, dobbiamo pensare a candidare anche la Valpolicella nella liste dei patrimoni mondiali». Questo l’appello che il governatore del Veneto Luca Zaia ha rivolto al ministro dell’agricoltura Maurizio Martina ieri all’inaugurazione del 51esima edizione del Vinitaly a Verona. «Dopo le Langhe e le Colline di Conegliano e Valdobbiadene – prosegue Zaia in un comunicato -, è giunto il momento di pensare a candidare anche le colline veronesi della Valpolicella. I territori del vino sono un grande biglietto da visita del nostro Paese da spendere nel mondo».

«Il Veneto – ha ricordato Zaia – è la prima regione produttrice di vini in Italia, con oltre 10 milioni di ettolitri, 22 mila addetti, 30 mila aziende e 86 mila ettari. Questo grande vigneto, frutto del lavoro operoso dei nostri produttori, esporta oltre il 35% dell’export nazionale e vale 2 miliardi di euro. Il Veneto il quarto esportatore di vini a livello mondiale».

Tags: ,

Leggi anche questo