Treviso, due baby-mamme alle medie

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Hanno 12 e 13 anni e sono già in attesa di un figlio. Come scrive Andrea Passerini su La Tribuna a pagina 2, si tratta degli ultimi due casi di maternità pre-adolescenziale registrati in una scuola media di Treviso. L’istituto, una volta presa conoscenza del fatto, si è attivato per creare un ambiente quanto più sereno possibile per le future mamme tentando di mantenere il riserbo per proteggerle dai curiosi. La prima si è ritirata da scuola poco prima del parto mentre la seconda, in fase avanzata di gravidanza, ha rifiutato l’aborto e ha divulgato la notizia ai suoi compagni di scuola senza paura.

I casi di baby-mamme nella Marca si sono triplicati negli ultimi anni. Se nel 2012 le baby gestanti ricoverate al Ca’ Foncello erano state tre, nel 2014, 2015 e 2016 i casi sono stati una decina. «Sono straniere ma anche italiane e appartengono a tutti i ceti sociali. Generalmente, l’età si attesta tra i 16 e i 17 anni, ma ci sono state diverse gestazioni molto più precoci» spiega Aura Fede, fondatrice del consultorio famigliare di via Montello e membro dell’Istituto di Sessuologia di Firenze.

Tags: ,

Leggi anche questo

  • pachiara

    “Sono straniere ma anche italiane..” Ecco le frasi che mi fanno imbestialire, perchè trasudano il solito stronzo buonismo-progressismo. Cosa vuol dire? Quante straniere e quante italiane adolescenti sono state ingravidate negli ultimi due anni a Treviso e provincia? Perchè o si dicono le cose o è meglio non dire. Aura Fede vuol rispondere? Grazie!

  • don Franco di Padova

    Un tempo c’era il reato di “libidine violenta” nel caso di atti o rapporti con persona incapace, quindi anche di giovane età.
    Ora siamo tutti compresi per la maternità delle due bambine “straniere ma anche italiane”, ma nessuno si chiede quale conoscenza della vita e quale libertà potevano esprimere anche con atto consenziente?
    Dietro tanto lezioso conformismo c’è, in realtà, una violenza certa.
    Mi sembra vi sia poco spazio per gioire.
    Per cortesia, senza scomodare alti concetti, proviamo ogni tanto a pensare che si tratti di figlie nostre, forse le cose risulterebbero più chiare.