Cattolica apre a BpVi: «no a cause legali»

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

«C’è stata un’apertura importante da parte della Popolare di Vicenza e anche noi se possibile preferiremmo non trovarci nelle aule dei tribunali, ma devono esserci le condizioni». Così, in un articolo di Davide Pyriochos su l’Arena a pagina 8, l’ad di Cattolica Assicurazioni, Giovan Battista Mazzucchelli (in foto) ha commentato con favore le dichiarazioni rilasciate mercoledì dall’ad della BpVi, Fabrizio Viola. Cattoli ca e BpVi sono ai ferri corti perchè la compagna di assicurazioni ha deciso di uscire dalla partnership in Berica Vita, Cattolica Life e ABC Assicura, esercitando l’opzione “put” costringendo così l’istituto di credito berico già in profonda crisi a comprare il 60% delle tre società in mano a Cattolica, per un corrispettivo di 178,5 milioni di euro. L’ex popolare di Vicenza però non ci sta e ha minacciato le vie legali.

«Cogliamo con favore le parole di Viola – dice Mazzuchelli – ma voglio ricordare che per noi l’esercizio della put è stata una necessità (…) Dato che la raccolta a cui eravamo abituati non c’è più (a causa delle difficoltà di BpVi, ndr), dovevamo far valere la put, perché abbiamo il dovere di curare l’interesse della compagnia. Se ci sono le possibilità che si apra una discussione, sulle modalità dell’operazione siamo disponibili al confronto, ma il nostro obiettivo non può cambiare».

(ph: mondocattolica.it)

Tags: ,

Leggi anche questo