«Riso, comparto a rischio: concorrenza orientale schiacciante»

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

«Un pacco di riso su quattro è straniero, ma per combattere questa invasione servono educazione per i consumatori e decisioni forti da parte dei produttori». Ad affermarlo, in una nota stampa, è il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Simone Scarabel. «In questi giorni – prosegue – sta emergendo in modo prepotente una situazione gravissima per il comparto produttivo del riso veneto: la concorrenza del lontano Oriente è schiacciante e il prodotto nostrano rischia letteralmente di sparire dalle tavole. L’allarme di Coldiretti sul riso è pienamente condivisibile, ma non basta: i produttori devono denunciare le aziende che spacciano riso straniero per il prodotto d’eccellenza italiano che conosciamo tutti».

«Questa è una guerra vera e propria – sentenzia il consigliere grillino – che non può essere combattuta con armi spuntate, tramite spot o con mezzi non all’altezza della situazione. In primo luogo i consumatori devono essere informati di quello che comprano e che mangiano. Gran parte del piano strategico deve passare tramite la grande distribuzione organizzata e dobbiamo unirci tutti in questa battaglia per pretendere dalla grande distribuzione la massima trasparenza: anche se questa non è obbligatoria per legge, lo deve essere per l’utilizzatore finale del prodotto. Il consumatore che non trova l’informazione sulla provenienza e sulla filiera deve lasciare il pacchetto sullo scaffale». In conclusione, Scarabel lancia un appello: «dato che è Pasqua e il riso fa parte della tradizione culinaria veneta da sempre dimostriamo tutti, ristoratori compresi, che vogliamo bene al riso veneto e riportiamo in tavola le ricette della tradizione con i risotti veneti fatti con il nostro riso».

Tags:

Leggi anche questo