Sanità, Coletto: «abolire ticket nazionale e regionale»

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

«Per passare dalle parole ai fatti concreti con decisioni realizzabili senza troppe lungaggini si deve partire dall’abolizione del superticket nazionale da 10 euro e di tutti quelli regionali che, peraltro, il Veneto non ha mai imposto». È questa l’indicazione dell’Assessore regionale alla sanità del Veneto Luca Coletto, in vista del vertice tra Ministero della Salute e Regioni annunciato dal Ministro Beatrice Lorenzin per il 19 aprile prossimo sulla prospettata abolizione dei ticket sanitari.

In questo modo, secondo Coletto sarà possibile «garantire gli obbiettivi prefissati: venire incontro alle persone meno abbienti; eliminare la disparità di trattamento tra le diverse Regioni, con fughe in avanti come quella della Campania che voleva introdurre il ticket al Pronto Soccorso per gli italiani non residenti in quel territorio; riportare sul pubblico prestazioni che con i 10 euro sono divenute più convenienti nel privato, allontanando la gente dal sistema sanitario». Coletto ricorda che la Regione Veneto aveva fatto  ricorso contro il superticket, perdendolo. «Fa piacere che ci si sia accorti, anni dopo, che di fatto avevamo ragione noi. Ma questo non è il momento delle polemiche – conclude l’assessore – si deve trovare presto un accordo, con un tavolo tecnico aperto il minimo necessario, e con la consapevolezza di dover trovare il giusto equilibrio tra gli interessi dei cittadini, che sono preminenti, e la sostenibilità del sistema».

Tags:

Leggi anche questo