Padova, a Borile soldi della Regione: è polemica

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Padova si avvicina alle elezioni cittadine del prossimo 11 giugno e Simone Borile, che salvo colpi di scena dovrebbe rappresentare il candidato sindaco del Movimento 5 Stelle è al centro di una polemica scatenata dagli stessi attivisti pentastellati. Come scritto a pagina 5 del Corriere del Veneto di oggi, il candidato, presidente sia dell’istituto Ciels (polo universitario per mediatori linguistici, dove Borile insegna antropologia sociale) che della Uniciels Srl (società per la formazione professionale), avrebbe ricevuto 534.468 euro euro dalla Regione per lo svolgimento di corsi di formazione destinati a neodiplomati e neolaureati in cerca di un lavoro. Come si legge in sei decreti che portano la firma di Santo Romano, direttore del dipartimento Formazione, Istruzione e Lavoro a Palazzo Balbi, Borile avrebbe ricevuto il milione e mezzo di euro tra novembre 2014 e ottobre 2015.

Intanto sul web la polemica è cominciata: «Non m’interessa la legittimità o meno di questi finanziamenti – osserva un utente online – m’importa invece l’opportunità politica della cosa». Altri attivisti: «Il programma nazionale del M5S afferma chiaramente che i fondi pubblici devono essere adoperati esclusivamente per l’istruzione pubblica e non per quella privata». Il futuro candidato grillino, sostenuto dai consiglieri comunali uscenti Giuliano Altavilla e Francesca Betto e dal capogruppo Jacopo Berti, racconta la sua versione:«stanno infangando il mio nome e la mia vita professionale e privata. Il Ciels e la Uniciels sono due enti completamente distinti, anche dal punto di vista giuridico. Tanto che il primo, per legge, non può ricevere contributi pubblici e difatti non ne ha mai ricevuti. Mentre l’altra, essendo una società di formazione certificata dalla Regione, opera proprio grazie a quei contributi pubblici, che quindi può legittimamente ottenere. Siamo di fronte a una non notizia».

Tags: ,

Leggi anche questo