Veneto Banca, Cassazione: «Consoli voleva riprendere controllo»

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Vincenzo Consoli torna sotto i riflettori. Come riporta Nicola Brillo sul Mattino di Padova a pagina 15, infatti, l’ex ad di Veneto Banca anche un anno dopo il suo allontanamento ha continuato a avere un gruppo di dirigenti a lui fedeli «per riprendere il controllo della banca». Lo ha scritto la Cassazione nelle motivazioni per il mantenimento degli arresti domiciliari.

Nelle motivazioni si legge che Consoli, nonostante l’uscita formale dall’azienda, intende reagire alla decisione del nuovo vertice di procedere alla «epurazione totale dei consoliani, progettando, nel corso della conversazione intercettata del 28 luglio 2016, con il dirigente De Fonzo, di riprendere il controllo di Veneto Banca». Inoltre l’ex ad è stato trovato in possesso di una email del 6 maggio 2016 inoltrata dal consulente tecnico del pm al personale di Veneto Banca e questo dimostra «come l’indagato non abbia esitato, in tempi recentissimi, ad attivarsi per venire in possesso di informazioni relative all’indagine giudiziaria in corso».

Tags: ,

Leggi anche questo