«Prof trans benvoluta da studenti»

Riceviamo e pubblichiamo la lettera che il coordinatore provinciale dei rappresentanti d’istituto di Vicenza, Andrea Chimetto, ha inviato all’assessore regionale elena Donazzan sul caso della professoressa trans all’istituto tecnico A.Rossi

Come Coordinatore Provinciale dei Rappresentanti d’Istituto ritengo che la bufera politica sul caso della professoressa trans FTM (come giustamente puntualizzato dal comunicato di Arcigay) dell’istituto A. Rossi di Vicenza sia esagerata. L’assessore regionale Donazzan dimentica che le uniche persone capaci di giudicare l’insegnamento dei docenti sono gli studenti e altri colleghi. Troppo spesso gli studenti non sono presi in causa ed invece dovrebbero essere proprio loro ad esser interpellati per primi sul giudizio dei docenti. Questa professoressa era benvoluta dai ragazzi, con una buona condotta e i giudizi che persone esterne (come può essere l’Assessore) possono fare, non hanno abbastanza materiale per giudicare la condotta della professoressa.

I problemi su cui soffermarsi sono ben altri, il bullismo in primis. Notizia di oggi (pagina 24 del Mattino di Padova, ieri ndr) che un prof ha molestato un alunno costringendo il ragazzo a saltare le sue ore, e qui la domanda sorge spontanea, può un ragazzo saltare ore di didattica, terrorizzato dall’idea di avere un prof violento o comunque che non rispetta le regole etiche all’interno dell’edificio scolastico? Invito l’Assessore a creare un tavolo di confronto anche durante il periodo estivo per cercare di debellare questi problemi che devono uscire una volta per tutte dalle scuole e lasciare perdere queste bufere politiche che fanno solo del male alla scuola e che non servono a nulla. Convinto della sua disponibilità,

Andrea Chimetto

Tags: , ,

Leggi anche questo