Pfas, Benedetti (M5S): «chiederò stato emergenza»

La deputata del Movimento 5 stelle Silvia Benedetti annuncia «un’iniziativa per fornire un megafono al territorio e rilanciare l’attenzione su un problema gravissimo che continua a restare irrisolto». Una serie di incontri in programma domani, sabato 29 aprile, per tornare sulla drammatica vicenda della contaminazione da Pfas nelle zone maggiormente colpite. «Chiederò lo stato di emergenza» annuncia in un comunicato stampa Benedetti, che oltre un anno fa presentò alla Camera una proposta di legge per colmare il vuoto legislativo in materia. «Mentre i monitoraggi faranno il proprio corso insieme ad ulteriori avanzamenti nella ricerca scientifica, non possiamo stare a guardare come nulla fosse. Va presa una iniziativa drastica e c’è bisogno che, o lo Stato o la Regione, se ne assumano l’onere».

«Alle 9.30 a Sarego andremo a trovare alcune tra le aziende agricole maggiormente coinvolte», spiega la deputata. A mezzogiorno appuntamento a Cologna Veneta: «da lì lanceremo la nostra richiesta al Governo di dichiarare per questa terra lo “stato di emergenza”. La giornata si concluderà nel pomeriggio a Lonigo con un incontro con il comitato delle mamme della zona». In conclusione, la 5 stelle promette: «faremo tutto quanto nelle nostre possibilità per far sì che vengano presi dei provvedimenti seri e radicali per impedire altri sversamenti e affinché a pagare sia chi ha consentito e compiuto tutto ciò, non i cittadini».

(Ph. Youtube)