Borgo Berga, giudice del riesame: «tutto in regola»

Per il tribunale del Riesame il complesso di Borgo Berga a Vicenza non è abusivo come contestato nell’inchiesta aperta dal procuratore Cappelleri. Come riporta Matteo Bernardini sul Giornale di Vicenza a pagina 17, nel documento di 40 pagine depositato dai giudici, si legge che «Borgo Berga risulta in conformità a tutti gli strumenti urbanistici precedenti e successivi, legittimamente emanati dagli organi locali competenti, atteso che il Piruea è risultato conforme al Documento programmatico preliminare al nuovo Piano regolatore generale approvato dal Consiglio comunale nel 2002, nonché fatto proprio e ratificato dall’Amministrazione comunale».

E ancora: «L’assetto del territorio programmato nel Piruea è perfettamente conforme e in linea con gli strumenti urbanistici adottati e con le scelte ivi estrinsecate, in primis la scelta urbanistica di rivalutare un’area prossima al centro cittadino e ormai da anni in disuso. Non si rivela contrasto alcuno con la destinazione programmata del territorio comunale, né l’attuazione del Piruea risulta operazione idonea a snaturare tale programmazione, anzi, si pone come sua diretta e immediata espressione urbanistica. Il Piruea di Borgo Berga – insiste il Riesame – non risulta in contrasto con l’articolo 4 della legge regionale 23/1999 come contestato nel capo di imputazione in quanto persegue un interesse pubblico conforme alla ratio della norma e tale interesse risulta essere stato espressione della potestà amministrativa di gestione del territorio comunale da parte dell’ente locale, legittimamente esercitata».