Con Bertucco 5 medici di sinistra, «per curare Verona»

La lista Sinistra in Comune, che sostiene il candidato sindaco Michele Bertucco, conta ben cinque medici: i medici di famiglia Nicoletta Zamberlan e Paolo Ferrari, gli psichiatri Luca Castelletti e Carlo Piazza e il medico della prevenzione Susanna Morgante. Una lista fortemente orientata alla salute come bene primario per tutta la cittadinanza. Per Sinistra in Comune oggi più che mai è necessaria una riflessione critica su questo tema e ritiene indispensabile che le istituzioni mettano in atto interventi efficaci per far fronte ai specifici bisogni della popolazione con attenzione particolare alle fasce più deboli, a partire dagli anziani. «Sinistra in Comune – sottolinea Luca Castelletti – ritiene che i soggetti anziani rappresentino una risorsa per la cittadinanza veronese, per il loro civismo, la trasmissione culturale e di tradizioni di cui sono portatori, per l’aiuto che possono dare nel buon funzionamento della comunità locale». Per loro il programma prevede «l’istituzione di uno sportello finalizzato alla regolarizzazione e qualificazione delle badanti, una rinnovata e riqualificata assistenza domiciliare e la sperimentazione relativa al co-housing (per gli anziani ma non solo), in collaborazione con servizi sociali, associazioni e cooperative sociali». Susanna Morgante crede«nella prevenzione prima ancora che nella cura; nella presa in carico della responsabilità della propria salute, senza delegarla in toto ai tecnici e agli specialisti; e soprattutto sono convinta che la salute si tuteli principalmente fuori dagli ospedali».

Altro aspetto importante è rappresentato da stili di vita sani, ma «come si fa a raccomandare la camminata quotidiana a chi torna a casa dopo 10-12 ore di lavoro disumanizzante, in situazioni in cui la domanda è tale per cui il lavoratore puoi essere sostituito in qualsiasi momento?», domanda Nicoletta Zamberlan. La salute fisica passa da quella mentale e «tutti i temi “di sinistra” hanno a che vedere anche con la salute mentale – afferma Carlo Piazza – : l’ambiente urbano, il diritto alla casa, al lavoro, la rete sociale e le relazioni, che fioriscono solo se i bisogni primari vengono soddisfatti. Le pari opportunità. I cosiddetti “Livelli Essenziali di Assistenza”». Insomma, le scelte politiche «costituiscono il presupposto per una buona salute per tutta la cittadinanza», afferma Paolo Ferrari, già Consigliere Provinciale e vicepresidente della Commissione Ecologia. Per questo, conclude la nota, i medici di “Sinistra in Comune” appoggiano Bertucco: «l’unico ad essersi opposto con tenacia nella scorsa legislatura al degrado urbano, al traforo, alla cementificazione, battendosi invece per la mobilità sostenibile e il verde urbano, soli strumenti per ridurre i rischi da inquinamento, da traffico e anche da sedentarietà e solitudine».