Il clima cambia e l’Italia soffre: ecco gli impatti in Veneto

Legambiente, nel dossier “Le città alla sfida del clima” pubblicato sul loro sito, lancia l’allarme sui cambiamenti climatici che stanno impattando su molte città italiane. Alluvioni, piogge estreme, violente nevicate, lunghi periodi di siccità e ondate di calore che persistono per vari giorni e notti: il clima sta già cambiando, aumentano i fenomeni metereologici estremi e i cittadini che pagano in termini di salute e spesso di vita.

Dal 2010 ad oggi sono 126 i Comuni italiani dove si sono registrati impatti rilevanti con 242 fenomeni meteorologici che hanno colpito l’Italia, provocato danni al territorio e causati impatti diretti e indiretti sulla salute dei cittadini. Ma ancora più rilevante è il tribu­to che si continua a pagare in termini vite umane e di feriti: dal 2010 al 2016 sono oltre 145 le persone morte a causa di inondazioni e oltre 40mila quelle evacuate (dati Cnr). In Italia l’ondata di calore del 2015 ha causato, tra gli over 65, 2754 morti e provocato danni gravi alla produzione agricola e ittica dovuti al surriscaldamento.

In particolare, nella mappa dedicata al Veneto si segnalano questi episodi: le frane da piogge intense avvenute a Belluno nell’agosto del 2015, gli allagamenti da piogge intense a Refrontolo nell’agosto del 2014, gli allagamenti da piogge intense a Portogruaro nel settembre del 2013 e a Treviso nell’ottobre dello stesso anno, le esondazioni fluviali a Padova nel febbraio del 2014 e i danni alle infrastrutture e gli allagamenti da piogge intense a Vicenza nel novembre del 2010. A Venezia si segnalano più episodi: danni alle infrastrutture da piogge intense nel gennaio del 2013, nel febbraio, luglio, ottobre e novembre del 2014 e novembre del 2015. Mentre si segnalano danni dovute a trombe d’aria nel luglio del 2015.