Rapinata suocera di Bitonci, finisce in ospedale

Brutta avventura per la suocera del candidato sindaco di Padova Massimo Bitonci. Ieri due uomini hanno suonato al campanello della sua villetta a Laghi, frazione tra Cittadella e Tezze sul Brenta, chiedendo di entrare con la scusa di controllare i contatori. Come riportano Angela Tisbe Ciociola e Davide D’Attino sul Corriere del Veneto a pagina 7, mentre lei mostrava il contatore al piano terra, uno dei falsi addetti è salito al piano di sopra, entrando camera da letto per rubare il possibile: collane, bracciali, anelli e dei soldi. Tornando di sotto però ha attirato l’attenzione della padrona di casa, che ha rincorso i due finti tecnici fino all’auto, una Fiat Punto grigia, dove ad attenderli c’era una terza persona. L’anziana ha cercato di bloccarli, rischiando di finire investita: uno degli pneumatici le ha schiacciato il piede, mentre la camicetta si è impigliata nello specchietto.

La donna è finita a terra e trascinata per alcuni metri. Un vicino di casa ha chiamato il 118 e i carabinieri. Mentre effettuavano i primi rilievi, la signora è stata trasportata d’urgenza all’ospedale di Cittadella, dove è stata riscontrata un’emorragia interna per la caduta ed è stata operata per ridurre una frattura alla caviglia. La notizia della disavventura ha raggiunto Bitonci all’uscita da un confronto con gli altri candidati sindaco. Rassicurato sulle condizioni della parente, ha commentato: «non conta nulla che stavolta la vittima sia mia suocera. Purtroppo è una cosa che può succedere a qualsiasi persona anziana che abiti da sola. Noi tutti dobbiamo fare il possibile perché questo non accada mai più».

Tags: ,