«Sanità, Veneto ha speso 3 milioni per migranti: paghi lo Stato»

«La Regione Veneto ha già speso oltre 3 milioni di euro erogando 19 mila visite effettuate dai servizi di igiene pubblica sul territorio, 25 mila vaccinazioni e 11 mila test di mantoux. Sono soldi dei cittadini e da tempo chiediamo se ne faccia carico lo Stato». Lo scrive sul suo profilo Facebook l’assessore alla Sanità della Regione Veneto, Luca Coletto parlando delle spese che la Regione sta affrontando per assistere i migranti nel corso della prima riunione della “Trilaterale in materia di sanità Liguria-Lombardia-Veneto” che si è svolta a Genova.

Coletto ha sottolineato che «l’obiettivo del Veneto è una razionalizzazione delle risorse da investire in innovazione e cure ai cittadini. Oggi c’è stata grande convergenza, dovuta al fatto che le nostre tre Regioni puntano sul federalismo sanitario sulla gestione del sistema a misura di territorio, sulla centralità dei costi standard e sulla necessità di avere le risorse necessarie per la gestione a fronte dei continui tagli del fondo sanitario, considerato come un bancomat. Noi abbiamo reagito ristrutturando e riformando sistema sanitario, come hanno fatto e stanno facendo Lombardia e Liguria», ha concluso Coletto.