Pfas, controlli anche sui pesci

I pesci d’acqua dolce della zona colpita dalla contaminazione da Pfas saranno sottoposti ad esami. Come scrive il Corriere del Veneto nell’edizione di Vicenza a pagina 11, i controlli interesseranno 21 Comuni della “zona rossa” a cavallo fra Vicenza, Verona e Padova. Da qui al 15 giugno i tecnici dell’Ulss 8 preleveranno 50 campioni da un etto l’uno di carpe, barbi, cavedani e tinche e li invieranno all’Istituto zooprofilattico delle Venezie che valuterà se anche i pesci possano essere contaminati dalle sostanze perfluoro-alchiliche e se si, a quale livello.

L’indagine si aggiunge allo studio già in atto sui prodotti alimentari, vegetali e animali dell’area dove la falda risulta più inquinata. «Quello sui pesci è un tipo di controllo che è stato aggiunto al piano generale – spiega Stefano Ferrarin, responsabile del servizio igiene alimenti dell’Usl 8- dal piano di campionamento iniziale erano stati esclusi, perché era difficile stabilire che specie catturare. Ora sono state identificate e si è deciso di procedere, entro due settimane avremo tutti i campioni».

(ph: blogdelpescatore.it)