Codacons: «divieto di fumo in spiaggia»

Stop alle sigarette in spiaggia. La richiesta arriva dal Codacons, ma si scontra da subito con il no delle categorie. Come riporta Giovanni Cagnassi a pagina 14 del Mattino, infatti, a Jesolo albergatori e commercianti si oppongono alla proposta. Per il Codacons, il divieto di fumare nei luoghi pubblici, in vigore da un anno, va esteso agli arenili, come già accade a Bibione: «l’inquinamento generato dalle sigarette fumate sotto gli ombrelloni può superare quello che si registra in una zona ad elevato traffico di auto».

Per l’Aja, Associazione jesolana albergatori, invece si rischia «un’intolleranza eccessiva verso i fumatori. Sensibilizziamo piuttosto al buon senso, non fumare vicino ai bambini, ad anziani, donne in attesa, in luoghi in cui i bagnanti sono tutti vicini. Basta un po’ di educazione e sensibilità». Sulla stessa linea il presidente della Confcommercio locale Angelo Faloppa: «In Italia non abbiamo mai mezze misure e passiamo dell’eccessiva e irrispettosa libertà, che non rispetta quella altrui, alla massima severità per tutti. E vietare il fumo in spiaggia è troppo».

(Ph. Pinterest)