Padova, no libertà per Riina jr: «ancora pericoloso»

Mentre si discute se scarcerare il padre, Giuseppe Salvatore Riina, figlio prediletto di Totò, “capo dei capi” di Cosa Nostra, resta in libertà vigilata a Padova, dove dall’aprile 2012 sta scontando la condanna lavorando come dipendente in una cooperativa. Come riporta Nicola Munaro sul Corriere del Veneto a pagina 9, infatti, per il tribunale di Sorveglianza patavino, infatti, Riina Jr è ancora socialmente pericoloso.

Respinto quindi il ricorso presentato dal suo avvocato contro la proroga di quattro mesi – fino a ottobre – della sorveglianza speciale che sarebbe dovuta scadere a fine giugno. “Salvuccio” nei mesi scorsi ha incontrato il padre a Parma, dopo il via libera del tribunale di Sorveglianza di Venezia a un faccia a faccia tra i due, quattordici anni dopo l’ultimo incontro.

Tags: ,