Figlia morta in incidente, pm chiede un anno di reclusione

Un anno di reclusione e pena sospesa per omicidio colposo e lesioni colpose. È la condanna chiesta per un architetto 41enne residente a Dolo (Venezia) per un incidente stradale che ha causato la morte della figlia di 3 anni. Il fatto risale alla fine del 2014, quando sulla Romea a Conche di Codevigo il professionista, che viaggiava con la moglie incinta e la primogenita seduta sul sedile posteriore, ha invaso la corsia di marcia opposta senza apparente motivo, centrando frontalmente un altro veicolo

Come riporta Alessandro Abbadir su La Nuova Venezia a pagina 28, la richiesta del pm complessiva considera lo sconto di pena per il rito abbreviato e le attenuanti. Il guidatore dell’altro veicolo coinvolto, ricoverato per fratture multiple, si è costituito parte civile. La prossima udienza è fissata per il 6 luglio alle 15 al Tribunale di Padova.

Tags: ,