BpVi e Vb, Intesa e Unicredit pronte al salvataggio

Arriva la prima svolta sul salvataggio delle due ex banche popolari venete. Come scrive Federico Nicoletti sul Corriere del Veneto a pagina 15, ieri Intesa e Unicredit si sono dette disponibili a valutare un intervento per coprire quei 1,2 miliardi privati che l’Ue chiede per avvallare gli aiuti di Stato entro la ricapitalizzazione precauzionale da 6,4 miliardi. La mossa potrebbe evitare il rischio liquidazione per Banca popolare di Vicenza e Veneto Banca.

«Si sta lavorando per trovare una soluzione», ha confermato ieri sera il direttore generale di Unicredit, Franco Papa. «È un segnale importante», commenta a caldo il sottosegretario all’Economia, Pier Paolo Baretta. Le due grandi banche si dicono insomma disponibili a patto che l’intervento sia distribuito tra tutto il sistema bancario. Intesa e Unicredit potrebbero in questo caso metterci da sole cifre comprese tra i 200 e i 300 milioni. L’intervento si svolgerebbe tramite Atlante.