Mose, processo rischia prescrizione

Rischia di avviarsi a prescrizione il processo Mose per gli imputati accusati della prima ora tra cui l’ex presidente di Mantovani Piergiorgio Baita, l’ex ad di Adria Infrastrutture Claudia Minutillo, l’ex presidente del Consorzio Venezia Nuova Giovanni Mazzacurati, l’ex direttore amministrativo di Mantovani Nicolò Buson,  l’ex referente delle coop nel comitato direttivo del Cvn Pio Savioli tutti accusati di corruzione e finanziamento illecito dei partiti. Come scrive Alberto Zorzi sul Corriere del Veneto a pagina 2, sono trascorsi almeno 4 anni e mezzo dagli ultimi episodi contestati mentre i primi arresti risalgono al 2013.

Inoltre la maggior parte delle accuse originarie, sono praticamente prescritte essendo passati ben 7 anni e mezzo: le tangenti contestate a Marco Milanese ad esempio risalgono al 2010 ma anche quelle contestate a Giancarlo Galan (2011) mentre le accuse sui finanziamenti illeciti risalgono alle campagne elettorali del 2009 e 2010. C’è poi il problema di Mazzacurati la cui incapacità a testimoniare per motivi di salute è stata riconosciuta dagli stessi giudici.