Venezia, ricorsi migranti: «Ordine avvocati al collasso»

Parla di «collasso» e numeri «devastanti» il presidente dell’Ordine degli avvocati di Venezia, competente per le istanze di ammissione al patrocinio gratuito in Veneto, Friuli e Trentino Alto Adige, ovvero l’istituto che permette alle persone non abbienti di essere difese da un avvocato a spese della collettività. Ebbene, come riporta Rubina Bon su La Nuova Venezia, la maggior parte delle richieste di gratuito patrocinio arrivano oggi da migranti che ricorrono contro il provvedimento di diniego di protezione internazionale: dal 2015 sono passate dal 39% al 71,6%, fino al 78% di quest’anno. Numeri destinati a crescere ulteriormente.

«Le risorse di un Ordine professionale di medie dimensioni qual è quello di Venezia sono insufficienti a dare una risposta sollecita a una simile mole di richieste», spiega l’avvocato Paolo Maria Chersevani, presidente dell’Ordine di Venezia. «Non intendiamo sottrarci in alcun modo all’impegno di garantire efficienza e tempestività nella risposta alle esigenze dei meno fortunati, ma per migliorare il servizio abbiamo bisogno del supporto degli altri Ordini del distretto e delle amministrazioni pubbliche», conclude Chersevani chiarendo che «questa non è un’emergenza, ma un fenomeno in via di incremento esponenziale».