Verona Polis: «militanti Pd, bloccate accordo con Bisinella»

«Quello che purtroppo da mesi temevo si è avverato. Al ballottaggio andranno due candidati di destra: Sboarina con il 29,26% e Bisinella con il 23,54 (…) Ora temo si completi l’opera distruttiva dell’area progressista di Verona con l’apparentamento del Pd alla candidata tosiana Bisinella nel ballottaggio. Mi appello quindi agli iscritti ed ai simpatizzanti del Pd e a tutti coloro che si riconoscono nell’area progressista, perché intervengano presso le segreterie del partito per bloccare questa incoerente e innaturale alleanza». Così in una nota Giorgio Massignan (VeronaPolis) commenta l’esito delle elezioni di domenica che hanno visto il Pd superato dalla candidata sindaco di Fare! e compagna del primo cittadino uscente Flavio Tosi.

Massignan punta il dito contro la divisione delle forze nel centrosinistra: «nessuna forza politica organizzata si è sforzata di accogliere l’appello per un’aggregazione programmatica vincolante e per un metodo trasparente di partecipazione, che probabilmente avrebbe aiutato a superare i contrasti tra le diverse forze politiche dell’area progressista». Ora conclude la nota di Verona Polis, «si rende necessario che i responsabili di questo disastro politico ne traggano le conseguenze, con una onesta autocritica e soprattutto dando la possibilità ad altri, più preparati e disponibili a cambiare il metodo di fare politica, di tentare di ricostruire sopra le macerie che hanno causato».

 

Tags: ,