Banche venete, Busin (Lega): «governo mette a rischio credito»

«È vergognoso che nonostante la situazione di non ritorno in cui versano le Popolari venete il governo ancora non ritenga di intervenire». A dirlo è stato Filippo Busin, vicepresidente alla Camera della Lega Nord, durante il question time in Parlamento con il Ministro Pier Carlo Padoan. «Ora – prosegue Busin – non si trasformino questi istituti di credito in due buchi neri che inghiottono tutto: i 10 miliardi di risparmi degli ex soci delle banche, 10 mila dipendenti, le aziende del territorio affidate per oltre 30 miliardi e l’intero sistema di credito italiano che rischia di essere travolto come in un domino da questa vicenda».

«Non solo quindi il governo con il suo decreto inutile e dannoso non ha provveduto a ripristinare il capitale mancante quando questo era decisamente inferiore a quello richiesto oggi, ma non ha neanche ripristinato la necessaria fiducia che è alla base di qualsiasi istituto di credito. Le domande di giustizia di migliaia di piccoli risparmiatori truffati dai vertici di queste banche sono infatti rimaste inascoltate. Ci domandiamo – conclude il parlamentare leghista –
cosa stia aspettando ancora il governo per intervenire».

Tags: