«Ius soli, esempio di civiltà: basta cittadini di serie A e B»

Caro direttore,

nelle ultime ore ho visto alcuni “italiani” comportarsi come se fossero l’ultima coca-cola nel deserto, solo perché sono italiani, tensioni al Senato da parte di CasaPound. E partiti che usano tutte le loro energie per prenderci di mira e insultarci per avere consensi. Dalla Lega di Salvini alla Meloni, per non parlare dei 5 Stelle che vivono su Marte.

Sono Nicolae Galea, ho 20 anni e da circa 10 vivo nello stivale, qui ho fatto le scuole e lavoro. Finalmente dopo due anni il disegno di legge ius soli sbarca in aula al senato, sono molto ottimista e sollevato, fiducioso. Sarebbe un grande schiaffo ai razzisti e ai partiti populisti che fanno campagna sulla mia, sulla nostra pelle, dei ragazzi stranieri, per raccattare voti. Io non lo permetterò, siamo ragazzi nati/cresciuti qui, amiamo questo paese e ne rispettiamo le regole, vogliamo vivere qui, il nostrano futuro lo vediamo in questo Paese.

Vorrei ricordare a tutti che la cittadinanza non viene regalata a nessuno. Ci sono dei requisiti precisi e la richiesta è volontaria. I diritti non sono voti. Faccio una domanda a lei e ai lettori: è più italiano il nipote di un discendente del veneto emigrato in Argentina, che ha visto l’Italia solo su internet, o io? Che ho fatto le scuole qui, parlo l’italiano, penso e sogno in questa lingua, e ogni volta che sento l’inno di Mameli mi viene la pelle d’oca perché è emozionante?

È inutile fare finta di nulla. L’Italia è un paese che sta cambiando dagli anni ’90 e c’è bisogno di aggiornare le leggi, se questo disegno di legge sarà approvato l’Italia sarà un esempio di civiltà. Tranquilli, la pasta e la pizza esisteranno ancora, nessun cerca e vuole di distruggere questo paese, semplicemente renderlo migliore, non vogliamo creare odio, non vogliamo che esistano cittadini di serie a e b, vogliamo solo integrarci ulteriormente, basta strumentalizzazioni da parte della politica, non cadete nel tranello.

Nicolae Galea

(Ph: termometropolitico.it)

Tags: