«Bisinella, integra programma con idee della Salemi»

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Un’alleanza di intenti in cambio dell’appoggio al ballottaggio. È ciò che chiede un gruppo di elettori veronesi del Partito Democratico composto da professionisti, medici, docenti, artigiani e pensionati alla candidata sindaco di Fare! Patrizia Bisinella. «In tanti abbiamo lavorato per portare Orietta Salemi al ballottaggio», scrivono in una lettera aperta. «Il lavoro che ha fatto, in particolare nel mondo del no-profit, è di grande prospettiva, sarebbe un peccato mortale non portarlo nella gestione amministrativa. Molti amici e conoscenti voterebbero volentieri una alleanza per Verona che metta al centro lavoro, casa, territorio e qualità della vita. Come in Francia e Germania abbattiamo i muri della contrapposizione destra-sinistra per il bene comune. Se restiamo nell’ambiguità, resteremo ad esercitare un’opposizione minimale e inconcludente, con poche prospettive per il futuro».

«Dovevamo prenderci i rischi connessi con una scelta coraggiosa e decisa, per costruire un percorso nuovo, sicuramente più credibile che passare anni solo contestando», prosegue la lettera. «Il programma della candidata Patrizia Bisinella, molto diverso da quelli presentati a suo tempo da Flavio Tosi, potrebbe essere integrato con alcuni punti qualificanti su urbanistica e grandi opere, gestione delle società partecipate, cultura e collocazione internazionale di Verona. Una buona parte di chi ha sostenuto Orietta Salemi non vuole rinunciare a tutto questo e nel contempo non voterà per chi ha bisogno del costante e continuo appoggio di Matteo Salvini e Giorgia Meloni, cioè dei neo-nazionalisti, razzisti, populisti, oggi sconfitti in buona parte d’Europa. Ci risulta inoltre che su questa linea siano anche alcuni dei candidati del Partito Democratico».

Ph. PD Verona / Facebook

Tags: ,

Leggi anche questo

  • Gustavo

    Va bene che che ha un’ottima presenza e si sente che è una donna molto preparata , ma è anche interessante che una padovana venga a comandare a Verona , un buon segnale contro i campanilismi e provincialismi veneti .