BpVi e Vb, Bonfrisco: «frutto lavoro dei veneti resti in Veneto»

La senatrice Cinzia Bonfrisco, componente della Commissione Finanze di Palazzo Madama e presidente della Commissione di vigilanza sulla Cdp, commenta, come riportato da Resto al Sud, la situazione di Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca e l’offerta di Intesa Sanpaolo. «Il ministro Padoan dovrebbe chiarire perché Banca Intesa può fare oggi ciò che è stato impedito per mesi agli attuali amministratori, e se il governo ha provato a sollecitare anche altri possibili investitori a forte vocazione territoriale o istituzionali. Salvare le banche si può e si deve ma a condizione che si valorizzi il denaro, soprattutto se dei cittadini, per sostenere il lavoro generato dalle imprese, dagli artigiani, dai commercianti e dai professionisti, che solo tra i clienti di Popolare di Vicenza sono più di un milione».

«Le audizioni in Commissione Finanze, – continua Bonfrisco -, hanno chiarito che a produrre sofferenze bancarie sono state in larghissima parte grandi operazioni finanziarie in capo a grandi imprese. È paradossale quindi che a pagare il prezzo più alto siano oggi le piccole imprese, quel popolo di imprenditori senza brochure mirabolanti o relazioni altolocate ma pieni di cervello e voglia di lavorare: il loro lavoro e i loro soldi devono restare in Veneto. Mi appello a tutti veneti affinché si ritrovi insieme l’orgoglio delle nostre eccellenze e si cerchi con il governo la soluzione più giusta per l’Europa e per il Veneto. E’ questo per me – conclude – il vero significato di quel principio di autonomia e sussidiarietà che invochiamo nel prossimo referendum popolare».