«Banche venete, colpo di Stato: decreto illegittimo»

Il Coordinamento associazioni don Torta ha organizzato per venerdì 30 giugno alle ore 20 in piazza dei Signori a Vicenza una manifestazione per protestare contro il decreto salva-banche. Come riporta Sabrina Tomè sul Mattino, il Coordinamento chiede le dimissioni del governo Gentiloni «e il ripristino della legalità costituzionale». Una delegazione si recherà dopodomani alla Procura di Roma per consegnare una denuncia contro il governo, contestando l’illegalità del decreto.

Il presidente dell’associazione, l’avvocato Andrea Arman, spiega: «Qui si è consumato una sorta di colpo di Stato. L’interesse di pochi prevale su quello della collettività. In silenzio, di nascosto, hanno trattato i loro vantaggi sulla pelle di tutti gli italiani e su quella dei risparmiatori. Si fanno gioco delle regole, umiliano le persone, ci mettono ancora una volta le mani in tasca. Per decreto il Governo vuole decidere che noi non possiamo rivalerci sugli attivi delle banche perché quelli li deve donare alla Grande Finanza di Banca Intesa – San Paolo».