Bimbo con tetano, Scattolin (Pd): «fidarsi dei medici, non di internet»

«Il caso del bambino colpito dal tetano dovrebbe far rialzare l’attenzione sul tema dei vaccini, anche alla luce di quanto ha fatto e sta per fare la Regione Veneto: prima l’eliminazione dell’obbligo delle vaccinazioni nel 2008; ora contrastando il Governo che, reintroducendo l’obbligo, sta ponendo rimedio ad un problema di salute pubblica». Lo afferma in una nota Gigliola Scattolin, segretario metropolitano del Partito Democratico di Venezia. «Erano 30 anni che in Italia non si registravano casi di tetano pediatrico e la scelta di non vaccinare il bambino, nonostante l’informazione ricevuta dai medici sui rischi, è stata a mio parere sbagliata. Genitori che, però, si sono fidati dei sanitari nel momento che il loro figlio ha iniziato ad avere paralisi facciale. Fortunatamente, è finita bene».

«Il tema dei vaccini – prosegue Scattolin – è prettamente scientifico. Dovremmo fidarci più dei medici e meno di internet. Lo dico da donna, madre e politica. Questo non toglie che c’è il diritto di una informazione corretta e ogni genitore deve avere lo spazio per essere ascoltato. A Milano il Forum nazionale del Partito Democratico prevede un incontro nazionale con il dottor Roberto Burioni dell’Ospedale San Raffaele. Sarebbe un buon momento, per chi ancora non lo ha fatto, per informarsi meglio. Vaccinarsi – conclude – significa, potenzialmente, salvare se stessi e gli altri».

 

Tags: ,