Pfas, salta causa civile contro Miteni «per dieci euro»

E’ saltata a Padova la causa dell’associazione “La terra dei Pfas” contro l’azienda Miteni di Trissino (Vicenza), accusata della contaminazione da Pfas dell’acqua. Come scrive Angela Tisbe Ciociola sul Corriere del Veneto di oggi a pagina 9, l’udienza per la causa civile contro Miteni e contro la Regione Veneto avrebbe dovuto svolgersi giovedì, ma i 130 membri dell’associazione si sono rifiutati di coprire le spese legali di 1280 euro, che divisi fra gli iscritti sarebbero stati circa dieci euro a testa.

Renza Pregnolato, presidente di “La terra dei Pfas”, ha dichiarato: «stiamo parlando di due gelati presi in centro a Padova, è stato degradante». C’è ancora un anno di tempo per ri-presentare la causa, ma per Pregnolato «si tratterà di un anno perso. Avevamo deciso di intentare una causa civile – aggiunge la presidente dell’associazione – per rompere il muro di omertà che è stato costruito attorno alla Miteni, tutti sanno che è da lì che parte l’inquinamento, ma nessuno ha ancora fatto nulla. Mi chiedo come facciano le mamme a non capire l’importanza di questa azione».