The Guardian: «vacanze a Venezia? Non scordarti maschera anti-smog»

The Guardian ha pubblicato oggi un articolo a firma di Axel Friedrich, un ambientalista esperto di inquinamento che lavora con l’Ong tedesca Nabu. Il titolo colpisce duro: “Quest’estate andate a Venezia? Non dimenticate la maschera anti-smog“. L’editoriale denuncia a gran voce ciò per cui i cittadini veneziani protestano da tempo: le grandi navi che entrano fin nel cuore della città e non solo creano un potenziale pericolo ma anche tanto inquinamento.

«Preoccuparsi dell’aria inquinata potrebbe sembrare strano in una città che ha poche strade ed auto, ma l’aria di Venezia presenta dei rischi nascosti – spiegano nell’articolo -. Ogni giorno cinque o sei delle più grandi navi da crociera al mondo penetrano nel cuore della città vecchia, che ospita il più grande terminal di tutto il Mediterraneo. Queste navi pubblicizzano i loro lussuosi ristoranti, le loro grandi piscine e il divertimento esotico ma non dicono nulla sulle esalazioni che sprigionano nell’atmosfera.

«Gli operatori delle navi affermano che usano combustibili a basse emissioni inquinanti ma le misurazioni che ho effettuato vicino al porto di Venezia raccontano una storia diversa. Mentre le grandi navi navigavano lungo il canale principale, a pochi passi dalla riva, la mia squadra ha registrato fino a 500 particelle ultra-sottili per centimetro cubo – 500 volte superiore rispetto all’aria pulita del mare. Le navi da crociera sono un pericolo non solo per gli abitanti, ma anche per i turisti e i veneziani hanno ragione di essere furiosi», conclude impietoso Friedrich.