Pfas, Regione a Greenpeace: «nuovi limiti più restrittivi della Svezia»

«Pur accogliendo positivamente le considerazioni di Greenpeace sui limiti posti in Veneto per quanto riguarda le sostanze perfluoro-alchiliche, perché riteniamo siano formulate in senso costruttivo, è opportuno però sottolineare che le nostre misure sono in ogni caso più restrittive anche di quelle della Svezia». A precisarlo è una nota del direttore generale dell’Arpav Nicola Dell’Acqua nella sua veste di Coordinatore della Commissione “Ambiente e Salute”, organismo che ha assorbito le competenze della “Commissione Tecnica Pfas”.

«Greenpeace infatti – aggiunge – porta come esempio i limiti della Svezia che sono pari a 90 nanogrammi per litro, ma per tutti i Pfas. In Veneto, viste le problematiche specifiche che riguardano i sottotipi Pfos e Pfoa, per queste sostanze i limiti posti sono molto più bassi. In altre parole tenendo sempre la Svezia come esempio, lì i valori per i Pfos e i Pfoa possono essere comunque di 90 ng/l, da noi i Pfos non potranno superare i 30 ng/l che è il valore più basso al mondo e i Pfoa i 60 ng/l che è uno dei limiti più restrittivi fra quelli finora imposti a livello internazionale».