Carceri (Pd), multe a chi ospita profughi e non avverte il Comune

L’ordinanza firmata dal sindaco di di Carceri (Padova) Tiberio Businaro – in foto – stabilisce che ogni privato cittadino che intenda mettere a disposizione la propria casa per ospitare richiedenti asilo avrà l’obbligo di segnalarlo tempestivamente in Comune, pena una multa da un minimo di 2500 a un massimo di 15mila euro. «È un modo per poter dire la mia – spiega Businaro intervistato da Angela Tisbe Ciociola sul Corriere del Veneto a pagina 11 -. Noi non abbiamo ancora vissuto questo problema, ma ho assistito alle difficoltà dei miei colleghi sindaci che ci sono passati.

«Si sono visti calare dall’alto le decisioni del governo – prosegue – e hanno anche subìto gli attacchi dei cittadini, che non si rendono conto che i primi cittadini non possono fare nulla». L’entità della sanzione (sempre che la prefettura non impugni il provvedimento) verrà stabilita «caso per caso. Ci sono diversi elementi da valutare: la tempestività delle comunicazioni, l’idoneità degli alloggi, l’eventuale mancato rispetto del numero massimo di richiedenti asilo ospitati. Sono molte le variabili che potranno influire nel calcolo della sanzione».

(Ph. Tiberio Businaro / Facebook)