Riforma Madia, in Veneto tagliate 43 partecipate

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

La legge Madia porterà i sette comuni capoluogo veneti a tagliare 43 società tra partecipate dirette e indirette. Venezia dismetterà venti società, Padova e Treviso tre a testa, Vicenza e Verona sei, Rovigo cinque. Nessuna a Belluno, perché come spiega il sindaco Jacopo Massaro, «non abbiamo problemi con le partecipazioni dirette. Con le indirette la norma apre alcuni dubbi, quindi stiamo aspettando chiarimenti prima di procedere». La riforma ha chiesto ai Comuni una revisione straordinaria delle partecipazioni, per ridurre la presenza degli enti in società che svolgono attività estranee alle finalità pubbliche, inattive, con un numero di amministratori superiore a quello dei dipendenti, con servizi già svolti da altre aziende partecipate, troppo piccole in termini di fatturato – meno di 500 mila euro di media nell’ultimo triennio -, con utile negativo per quattro su cinque esercizi precedenti, o che non svolgono un servizio di interesse generale.

Come riporta Eleonora Vallin su La Nuova Venezia a pagina 15, Vicenza, attualmente in 10 partecipate, ne manterrà 5: Aim, Acque vicentine, Fiera, Banca Popolare etica e Vicenza logistica City Center. Verona lascerà Aerogest che riunisce le quote dei soci pubblici nella società Valerio Catullo che gestisce l’aeroporto, più altre società minori. Il Comune resterà in quota Fiera, Agsm, A4 Holding e A22. Cura massiccia a Venezia: la legge Madia comporterà la scissione con estinzione di Pmv (mobilità), liquidazione Cmv e dimissione di Meeting & Dining (Casinò), liquidazione di Mei e la dimissione dal Vega, la liquidazione da Marco Polo System e da Promomarghera e la cessione di tutte le partecipate dirette di minoranza tranne Thetis Spa. L’opa Save, in quanto quotata non rientra nei parametri della Madia, ma è stata colta sia dal sindaco Brugnaro sia da Treviso, che incasserà dalla vendita Save 25,7 milioni di euro. Il comune della Marca ha deliberato il recesso anche da Aertre (aeroporto Canova) e Actt Servizi.

(Ph. Facebook)

Tags: ,

Leggi anche questo