Sappada, D’Incà (M5S): «un friulano vale 540 euro più di un veneto»

«Volete sapere quanto vale un cittadino friulano in più rispetto a veneto? ve lo dico io: 540 euro, che sono i 705 mila euro che spenderà lo Stato nel 2017 per il passaggio di Sappada divisi per 1306 residenti della località bellunese. Ecco, questo è il valore in più di un cittadino friulano, e questa situazione riporta in primo piano tutte le vergognose differenze fra Regioni a statuto speciale e regioni come il Veneto». A dirlo è il deputato del M5S Federico D’Incà, dopo che del delicato passaggio si è discusso oggi in Commissione affari istituzionali. «Noi voteremo sì al passaggio di Sappada in Friuli – conferma D’Incà -. Lo hanno deciso i cittadini con un referendum e la loro volontà è sacra. Ma questo cambio causerà inevitabilmente una reazione a catena che porterà, se non faremo qualcosa in tempo, decine di altri Comuni bellunesi e veneti a chiedere di passare in Friuli.

«Belluno è infatti un cuneo fra una Regione a statuto speciale e due Province a statuto speciale e i nostri Comuni non possono giocare alla pari con i dirimpettai. Per questo motivo ho chiesto che venga istituito un fondo per i Comuni di confine con il Friuli». D’Incà informa di avere ricevuto «risposte positive da parte del Pd e di Democrazia Sociale, mentre dalla Lega, che di questa faccenda si è sempre disinteressata, non abbiamo avuto risposte di alcun genere perché non erano nemmeno presenti in commissione. Questo fondo è fondamentale e potrà evitare la reazione a catena che porterebbe alla fuoriuscita di decine di Comuni della montagna veneta. Va fatto in fretta, almeno fino a quando avremo deciso quali materie saranno di competenza, come previsto dai referendum del 22 di ottobre, del Veneto e di Belluno. La montagna aspetta un segnale forte che la politica non può più negare».