Ema in Olanda, non è sfortuna: l’Italia non conta

Il conformismo culturale acceca il Belpaese. E ci impedisce di capire chi comanda davvero in Europa

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Il conformismo culturale impedisce quasi sempre una lettura critica dei fatti. Il conformismo, attenua, giustifica, fa scivolare nella retorica l’analisi di quello che accade. Per esempio partiamo dalla seguente affermazione: «l’attuale difficoltà dell’Italia è principalmente dovuta alla corruzione dilagante, alla spesa facile della “prima repubblica”, a quelle finanziarie “in cerca di consensi” e alla mancanza di un’attenta politica di bilancio che ha aumentato il debito pubblico». Confrontiamola con la seguente affermazione: «l’Unione Monetaria è lo strumento per svuotare l’Italia e la democrazia sostanziale italiana fondata sulla Costituzione, per sostituirla con la democrazia formale (a sorteggio quando l’Italia rischia di vincere) dellEuropa», scritto volutamente tutto attaccato.

Se vi ritrovate nella prima affermazione, siete dei veri europeisti, e crederete, per esempio, che sia solo per pura sfortuna che l’Agenzia Europea dei Medicinali sia andata ad Amsterdam. Se invece vi ritrovate nella seconda siete i soliti piantagrane, che si domandano come mai l’EMA è andata all’alleato più fedele della Germania, Amsterdam, mentre l’EBA è andata a Parigi. Siete sempre i soliti “malfidenti” che magari hanno letto qualche inutile libro sulla storia della Comunità Europea, e sapete che l’Italia non ha mai contato nulla, mentre l’Europa è sempre stata fatta da Francia e Germania a loro immagine e interessi. In Germania c’è la BCE, in Olanda c’è l’EMA, in Francia c’è l’EBA, in Italia ci sono i disperati che fuggono da guerre e miseria, ad ogni paese le pertinenti Agenzie europee. Il conformismo è servito.

(ph: Bernd Von Jutrczenka/dpa – Associated Press)

Tags: ,

Leggi anche questo

  • zenocarino

    Per quanto tempo ancora, dovremo subire le scelte di RENZI, prima la Mogherini (che gira vestita da donna araba), poi, gli inutili e non pervenuti Gentiloni e Alfano. La nostra politica estera manca di “relazioni”, che i nostri NON sanno coltivare.

  • Lupis Tana

    sig. Fascina, credevo che ci mettesse più verve nell’articolo…
    chi comanda? boh, certo che noi lasciamo fare… abbiamo dei bei governanti, badanti dell’€u.
    lei saprà benissimo che ci vogliono portar via tutto perché loro (l’europa), non hanno niente… n’è dentro (il cervello) n’è fuori (arte, storia, cultura), sono invidiosi di noi.
    l’Italia invece di avere n’è hà da dare. speriamo nei raggi X. saluti t l