Bancadria, presidente indagato per truffa e falso

Il presidente della Bcc BancadriaGiovanni Vianello (foto), è stato iscritto al registro degli indagati dalla Procura di Rovigo per concorso in falso e truffa. Come scrive Nicola Chiarini a pagina 11 dell’edizione di Vicenza del Corriere del Veneto, nel mirino dell’inchiesta c’è il complesso degli ex Molini Adriesi il cui valore sarebbe stato fatto sovrastimare da Vianello con l’aiuto di un geometra allo scopo di agevolare un finanziamento di Bancadria all’Immobiliare San Pietro di cui all’epoca Vianello stesso era socio. La San Pietro, creata nel 2007 proprio per sostenere il recupero dell’area ex Molini Adriesi, è fallita lo scorso luglio sotto il peso di 1 milione e mezzo di debiti di cui una gran parte verso la stessa Bcc.

I legali di Vianello parlano di vicenda «surreale» sottolineando come la perizia datata 2014 sia stata fatta dopo il fido ottenuto invece nel 2013: «se ne dovrebbe dedurre che Vianello possiede una sorta di macchina del tempo a mezzo della quale si è proiettato nel futuro e andato nell’autunno 2014 ha fatto confezionare la perizia, poi ha azionato la retromarcia e, circa un anno prima, ha utilizzato tale perizia per far concedere all’immobiliare un fido».

(ph: bancadria.it)

Tags: ,